adulti Archivi - Erika Graci
Psicologa evolutiva e psicoterapeuta cognitivo comportamentale
Erika Graci, Psicoterapeuta, Roma, psicoterapia cognitivo comportamentale, psicologa infantile, terapia di coppia, panico, lutto
-1
archive,category,category-adulti,category-34,bridge-core-2.1.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-20.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-265

adulti

Quanto è faticoso trovare la regola giusta? Tanto quanto è difficoltoso individuare il modo migliore affinchè venga applicata! E allora come fanno quei genitori che hanno figli, di tutte le età, ubbidienti? E quei datori di lavoro che vantano delle risorse umane disciplinate? Come riuscire a raggiungere gli obiettivi prefissati attraverso il rispetto delle regole? Ebbene, il segreto è proprio nelle peculiarità che contraddistinguono le regole efficaci. Eccole di seguito illustrate:

Quando due persone s’innamorano, e non un attimo prima, decidono inconsapevolmente di seguire il proprio istinto romantico a discapito del proprio Sé razionale. Ogni individuo, infatti, è dotato di più parti di Sé che convivono e sono protagonisti di momenti diversi della propria vita e della propria quotidianità. La metafora che uso nella mia pratica clinica per spiegare il concetto del Sé è quella di una matrioska che, come gli esseri umani, si compone di più parti, conciliabili tra loro per forma e misura. Quando una delle bamboline non si incastra con la più grande che la contiene e la più piccola che deve contenere, ecco che si sviluppa una difficoltà.

Molte persone vivono con il terrore di poter perdere il controllo. Per questo vivono in funzione del bisogno di stare sempre super concentrati su tutto, fino allo sfinimento psicologico. Tante altre, invece, non si rendono conto di aver perso il controllo di se stessi e perseverano diabolicamente nell'assunzione di comportamenti che auto alimentano il bisogno di ignorarsi, sfuggire da se stessi, non ascoltarsi, non vedersi e non sentirsi.

Assistere alle condotte altrui, notare l'espressione emotiva di chi ci sta accanto e cogliere i pensieri che inducono le persone ad essere quello che appaiono significa essere esposti a stimoli che, previa valutazione strettamente personale, possono condizionare le scelte individuali, in termini di assunzione di determinati comportamenti replicabili, modalità di esternazione delle proprie emozioni e strutturazione di schemi cognitivi che sono alla base delle credenze che caratterizzano il singolo.